giovedì 31 luglio 2014

La memoria di Dio



Una donna riteneva che Dio le apparisse in visione. Andò quindi a consigliarsi dal proprio vescovo. Il buon presule le fece la seguente raccomandazione: «Cara signora, lei forse sta credendo a delle illusioni. Deve capire che in qualità di vescovo della Diocesi sono io che posso decidere se le sue visioni sono vere o false».
«Certo, Eccellenza».
«Questa è una mia responsabilità, un mio dovere».
«Perfetto, Eccellenza».
«Allora, cara signora, faccia quello che le ordino».
«Lo farò, Eccellenza».
«La prossima volta in cui Dio le apparirà, come lei sostiene, lo sottoponga a una prova per sapere se è realmente Dio».
«D'accordo, Eccellenza. Ma qual è la prova?».
«Dica a Dio: "Rivelami, per favore, i peccati personali e privati del signor vescovo". Se è davvero Dio ad apparirle, costui le rivelerà i miei peccati. Poi, torni qui e mi racconti cosa avrà risposto; a me, e a nessun altro. D'accordo?».
«Farò proprio così, Eccellenza».
Un mese dopo, la signora chiese di essere ricevuta dal vescovo, che le domandò: «Le è apparso di nuovo Dio?».
«Credo di sì, Eccellenza».
«Gli ha chiesto quello che le ho ordinato?».
«Certo, Eccellenza!».
«E cosa le ha risposto Dio?».
«Mi ha detto: "Di' al vescovo che i suoi peccati io li ho dimenticati"».

Bruno Ferrero, 365 piccole storie per l'anima, Elledici 2007

martedì 29 luglio 2014

domenica 27 luglio 2014

Un consiglio di Paulo Coelho

Se dovessi darti un consiglio, ti direi: 
non lasciarti intimidire dalle opinioni altrui. 
Poiché solo la mediocrità cerca conferme, 
affronta i rischi e fa’ quello che desideri.

                                         
                                             Paulo Coelho, (1947), scrittore e poeta brasiliano.

venerdì 25 luglio 2014

La tua felicità


Non lasciare che la tua felicità dipenda dalle tue preferenze!

Anthony De Mello (1931-1987)
Gesuita e scrittore indiano

mercoledì 23 luglio 2014

L'unica cosa importante



"L'unica cosa importante quando ce ne andremo, saranno le tracce d'amore che avremo lasciato."

Albert Schweitzer (1875-1965), medico missionario, filosofo, filantropo e musicista alsaziano