sabato 16 aprile 2016

Con il tempo (da una poesia di Jorge Luis Borges)

[…]

Con il tempo capisci che solo chi è capace di amarti
con i tuoi difetti, senza pretendere cambiarti,
può offrirti la felicità che desideri.

Con il tempo ti accorgi che, se stai a fianco di questa
persona solo per accompagnare la tua solitudine,
irrimediabilmente finirai per non volere più vederla.

Con il tempo ti rendi conto che gli amici sinceri
valgono molto più di qualsiasi quantità
di denaro.
  
Con il tempo intendi che i veri amici sono contati
e chi non lotta per loro, presto o tardi
sarà circondato da false amicizie.

Con il tempo impari che le parole dette
in un momento d'ira possono continuare
a dolere a chi feristi tutta la vita.

Con il tempo impari che discolpare chiunque lo fa,
però perdonare è solo delle anime grandi.

Con il tempo capisci che anche se sei felice
con gli amici, un giorno piangerai
per quelli che lasciasti andare.

Con il tempo ti rendi conto che tutta
l'esperienza vissuta con ogni persona è irripetibile.

Con il tempo ti rendi conto che colui che umilia
o disprezza un essere umano,
presto o tardi, soffrirà le stesse umiliazioni
o i disprezzi elevati al quadrato.

Con il tempo impari a costruire tutti i cammini sull'oggi,
perché il terreno di domani è troppo incerto per fare piani.

 Con il tempo capisci che se fai pressione
sulle cose o le forzi in modo che accadano,
come conseguenza alla fine non sono come speravi.

Con il tempo ti rendi conto che in realtà
il meglio non era il futuro, ma il momento
che stavi vivendo proprio in questo istante.

Con il tempo vedrai che anche se sei felice
con chi ti sta al fianco, ti mancheranno terribilmente quelli che ieri
stavano con te e ora se ne sono andati.

Con il tempo imparerai che cercar di perdonare o chiedere
perdono, dire di amare, di desiderare, di aver bisogno,
dire di voler essere amico, di fronte ad una tomba, non ha più senso.

Però, sfortunatamente, solo con il tempo...
fortunatamente o sfortunatamente solo con il tempo...


Jorge Luis Borges

3 commenti:

Annamaria Santoro ha detto...

Un "dono" da meditare ... infinitamente grazie Tanino per queste "perle" che ci doni!

Anonimo ha detto...

La saggezza degli artisti.
Tanino grazie infinite. Ha ragione Annamaria, sono perle.
Non è la prima volta che leggendo quello che scegli, quello che scrivi, penso che il blog sia una scuola, un corso di VITA.
Le tue scelte hanno tutte uno scopo. Come la tua fiaba sui ragni nella rivista Città Nuova. Stupenda!
Esiste una tua raccolta di fiabe?
Ciao,
Eugenio

Tanino Minuta ha detto...

Eugenio,
mi hai chiesto se esiste una raccolta... la raccolta ci sarebbe ma non pubblicata. Sono pubblicate alcune fiabe in riviste italiane, ceche, slovacche e ungheresi.
Auguri!
Tanino